Recensione

Teatro, attori si diventa

di Massimiliano Fierro

“Quasi ogni compagnia teatrale persegue, nel corso della sua esistenza, una duplice prospettiva: da una parte, e questo costituisce l’aspetto principale, cerca di percorrere strade sempre nuove per rinvigorire sempre più la propria tradizione teatrale, dall’altra lascia una sorta di testamento, che chiaramente serve anche al sostentamento economico della stessa, istituendo dei corsi teatrali che formeranno i nuovi “allievi”. Entrambe le strade aiutano il Teatro a non morire, per lasciare un segno ed impronte indelebili nella storia della drammaturgia nazionale.”

Giornale di Bergamo, 24 settembre 2002

torna a Recensioni